IL CONTE SILVIO L

Dal 14 Aprile al 3 Novembre
Pienza - Palazzo Piccolomini

La mostra promossa dalla Societ di Esecutori di Pie Disposizioni ed realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni storici artistici e etnoantropologici delle province di Siena e Grosseto, con il patrocinio del Comune di Pienza e della Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza.


La Societ di Pie Disposizioni, che il conte Silvio design come erede e custode del nobile e monumentale Palazzo di Pio II e dei beni immobili pientini, intende ricordare a cinquantanni dalla scomparsa, le vicende pi significative della storia del Conte, la sua personalit, i suoi familiari, il rapporto con Pienza ed il territorio, attraverso documenti dellarchivio privato, foto tratte dagli album di famiglia, ricordi personali, conservati nelle stanze del Palazzo, per la prima volta raccolti ed esposti al pubblico. Dalla mostra il conte Silvio emerge protagonista assoluto della rinascita di Pienza nella prima met del Novecento dal punto di vista politico, sociale e culturale, come sindaco, carica ricoperta per quasi ventanni, e come discendete della nobile famiglia di Pio II, nel tentativo di restituirle il suo originario splendore. Fu il sogno pientino del conte Silvio Piccolomini.
Lesposizione loccasione per aprire al pubblico, per la prima volta dopo il restauro, lo studio del Conte, con lo stesso arredo e gli stessi oggetti a lui cari, sala che entrer a far parte in maniera permanente del percorso del museo. Qui trascorse in solitudine gli ultimi anni di vita in seguito alla tragica perdita del giovane figlio Niccol.


La mostra consente di riesporre nel percorso museale del Palazzo due importanti dipinti trafugati nel 1972 e di recente recuperati dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Roma (2010). Si tratta di un dipinto acquistato dal Conte da una collezione privata senese nel 1923 di mano del pittore senese Matteo di Giovanni (1428 circa-1495), la Madonna col Bambino S.Sebastiano, Tobiolo e lArcangelo Raffaele, un capolavoro della attivit matura dellartista realizzato per la devozione privata. Il secondo dipinto, di soggetto profano, illustra il Suicidio di Cleopatra, di un pittore fiammingo della prima met del Cinquecento, con influenze di Jan Gossaert e Jan Van Scorel, come confermano lo stile e la sottile tavola di supporto in rovere. Il dipinto sar presentato dopo il restauro in occasione della mostra.


Levento espositivo, voluto dal Prof. Vittorio Carnesecchi, Rettore della Societ di Esecutori di Pie Disposizioni di Siena, organizzato da Opera Civita Group.

Valdorcia.it il portale informativo sul territorio della Val d'Orcia (Pienza, Montalcino, San Quirico d'Orcia, Castiglione d'Orcia e Radicofani) in provincia di Siena in Toscana
Contattaci | Privacy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523 - Seguici su Google+