Teatro Povero, SPETTACOLO 2014: Tempi veleniferi. Dal 25 LUGLIO al 14 AGOSTO, Monticchiello

Una mitraglia sul palco, puntata contro un popolo in attesa. Inizia così il 48° autodramma del Teatro Povero di Monticchiello, ‘in piazza’ anche quest’anno con un nuovo spettacolo: Tempi veleniferi. Tradizione sperimentale che ogni anno propone un nuovo spettacolo: questa volta dal 25 luglio al 14 agosto, esclusi i lunedì 28 e 4 agosto.

Logo Teatro Povero


 


TEMPI VELENIFERI
autodramma della gente di Monticchiello

dal 25 luglio al 14 agosto
ore 21.30
eccetto i lunedì 28 luglio e 4 agosto
Piazza della Commenda, Monticchiello



Immagine TPM 2014


PRENOTAZIONI e INFORMAZIONI    
/prenotazioni TELEFONICHE
Orari: 10.0 - 13.00 / 15.00 - 18.00
tel. (+39) 0578 75 51 18

/prenotazione ON-LINE
compila il form a questo LINK

Biglietti: 13 € intero, 7 € ridotto (bambini fino a 12 anni)
info: www.teatropovero.it

TAVERNA DI BRONZONE
Pranzo e cena con le tipiche ricette della Val d’Orcia, accanto alla piazza dello spettacolo. Gestita dal Teatro Povero, aperta dal 25 luglio (sera) al 17 agosto (sera): pranzo ore 12.30 / 14.20; cena ore 19.30 / 23.00. 



DOVE SIAMO: 
clicca sul tasto per la mappa... Clicca qui per vedere LA MAPPA


………………………………...………………………………...


Teatro Povero: si prepara la 48° edizione, dal 25 luglio al 14 agosto
Un riso che non vuole arrendersi al veleno dei tempi    
Un paese intero lavora all’autodramma: a Monticchiello, tra sperimentazione e antiche commedie contadine. 


MONTICCHIELLO (PIENZA) - Una mitraglia sul palco, puntata contro un popolo in attesa. Inizia così il 48° autodramma delTeatro Povero di Monticchiello, ‘in piazza’ anche quest’anno con un nuovo spettacolo: Tempi veleniferi. Tradizione sperimentale che ogni anno propone un nuovo spettacolo: questa volta dal 25 luglio al 14 agosto, esclusi i lunedì 28 e 4 agosto.

Ogni estate dal 1967 il Teatro Povero porta in piazza uno spettacolo inedito, nell’affascinante cornice del borgo medioevale di Monticchiello, al centro della Val d’Orcia. Spettacoli frutto di un percorso collettivo che per molti mesi occupa tutta la compagnia, guidata dal regista Andrea Cresti. Assemblee, incontri, scalette e copioni; poi prove e la costruzione di un palco sulla ‘nuda’ piazza. Un’attività culturale partecipata, cui prendono parte buona parte degli abitanti del paese, uomini, donne e bambini. 
Quest’anno la coincidenza e l’approssimarsi di importanti anniversari hanno stimolato una riflessione sull’incertezza dei tempi, sulle possibilità di sopravvivenza di questa esperienza e delle ragioni ideali che da sempre la animano. Tempi veleniferi, dunque, quelli che seminano veleno nell’anima e nel mondo attorno. Con la certezza  che ogni momento di crisi sarà anche ‘velenosa’ occasione per quanti volessero spregiudicatamente approfittarne... 

Prologo. Tempi differenti si incrociano sul palco: è il 7 aprile 1944, la comunità del borgo valdorciano aspetta e prega, attonita di fronte alle mitraglie dei soldati nazisti. Simultaneamente, è però anche il luglio 2014. Quella stessa comunità si trova ora sull’orlo di un altro abisso: vi cadrà dentro, perdendosi, o da lì potrà vedere più in profondità, scoprendo una visione di futuri possibili in lontananza? Da qui, la necessità di riavvolgere il filo del proprio passato, evocando un’anima antica: quella di di un mondo contadino che torna, ancora scintillante di vita nella sua lingua accesa. Dalla cadenza di una commedia contadina, patrimonio di questa comunità teatrale, giungono allora il riso e la forza per opporsi. Opporsi al veleno del disinteresse e del disimpegno, che assedia da dentro ciascuno. Ma anche a quello che prolifica attorno: il veleno degli approfittatori della disperazione, di ciarlatani e maghi più o meno aggiornati ai tempi, dispensatori di speranze a basso costo e allestitori di improbabili alberi della cuccagna.
Da quel tempo antico e solo apparentemente comico, arriverà dunque un'altra aria: nuova vita, nuove trame da costruire con l’abilità un po’ sghemba del servo, dell’umile garzone che sa di avere poco ma con quel poco poter molto creare. Fino a sognare di raggiungere la sposa tanto desiderata: quel futuro che, forse, si può ancora acchiappare…

Per prenotazioni online: www.teatropovero.it . Telefoniche: (+39) 0578 75 51 18. Per mangiare, la Taverna di Bronzone, gestita dal Teatro Povero, è aperta a pranzo e a cena, dalla sera del 25 luglio a quella del 17 agosto.



/ FOTO ALTA RISOLUZIONE per stampa: QUI

………………………………...………………………………...

ALTRI EVENTI del festival

Lunedí 28 luglio:
- ore 21.30: Aria, concerto per ballerina solista. Musica classica e danza moderna. Con Francesca Del Toro e il maestro Alessandro Benvenuti al pianoforte.

Venerdí 15 agosto:
- ore 19: Titani, contadini e pescatori, concerto di Alessio Guarinieri e del suo gruppo, evento all’interno del programma del XIXFestival della Val d’Orcia.
- ore 21.30:  Battiti – Performance musicale di ritmica africana, con Joel Diabang e il gruppo Diambadong Manssa Percu.

Sabato 30 agosto:
De Santis in Val d'Orcia- ore 18: 
Alfredo De Santis. 
Sogno in Val d’Orcia - Legami - Fossili
. 

Una mostra a cura di Carla Conversi.
Dal 30 agosto al 30 settembre.




………………………………...………………………………...

 


Seguici su facebook, clicca sulla casa: Seguici su Facebook


Locandina spettacolo 2014

Il manifesto dello spettacolo 2014 è una riedizione del primo manifesto di Alfredo De Santis per il Teatro Povero del 1984, curata dallo studio grafico De Santis - Conversi - Mosolo.


 


 

Valdorcia.it il portale informativo sul territorio della Val d'Orcia (Pienza, Montalcino, San Quirico d'Orcia, Castiglione d'Orcia e Radicofani) in provincia di Siena in Toscana
Contattaci | Privacy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523 - Seguici su Google+