Radicofani festeggia S. Agata - 5 febbraio 2015

Il prossimo 5 febbraio Radicofani festeggia, come ogni anno, la patrona sant’Agata. Al mattino viene celebrata la messa con il vescovo e, a seguire, la banda musicale di Radicofani accompagna per le vie del borgo la grande processione, durante la quale le associazioni religiose onorano la statua della santa, portata in spalla dai confratelli dell’antica Congregazione. Nel pomeriggio, i festeggiamenti si concludono con il canto dei vespri ed il bacio della reliquia. Il legame che unisce gli abitanti di Radicofani a sant’Agata è viscerale: per gli abitanti è come una sorella maggiore.

Ancora oggi un canto ricorda questo avvenimento, che nella seconda strofa recita : “Nostri padri da Catania, ti portarono in processione, genuflessi riverenti e con somma devozione“. Lo stesso anno, fu fondata una centuria, che popolarmente viene chiamata Congregazione di Sant’Agata. Nel 1792 venne soppresso il convento dei Frati minori conventuali e l’anno seguente, il vescovo Pannilini consegnò la Chiesa francescana di san Lorenzo alla congregazione di sant’Agata. I confratelli ristrutturano la chiesa e la dedicarono alla martire catanese. Ancora oggi la chiesa di sant’Agata è di proprietà della congregazione, la quale si occupa di preparare, oltre alla festa della santa e le normali festività liturgiche, anche numerose pratiche pie, in particolar modo durante la settimana santa. Agata (dal greco, ”buona virtuosa e nobile di spirito”) nacque a Catania tra il 230 e il 235 d.c. Morì, in seguito a un martirio il 5 febbraio del 251 d.c., di fronte a una folla commossa. Il suo corpo si conserva ancora a Catania.  

 

 

SIMONE MARRUCCI / Origo

Valdorcia.it il portale informativo sul territorio della Val d'Orcia (Pienza, Montalcino, San Quirico d'Orcia, Castiglione d'Orcia e Radicofani) in provincia di Siena in Toscana
Contattaci | Privacy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523 - Seguici su Google+