La Val d

Presentato al Museo della Mezzadria di Buonconvento il libro “La Val d’Orcia di Iris: Storia, vita e cultura dei mezzadri” a cura di Mariano Fresta, Editrice Le Balze di Montepulciano

Dopo la mostra Con Parole Nostre. Iris e Antonio Origo per la mezzadria senese sabato 27 settembre presentate pagine di storia, vita e cultura dei mezzadri senesi curati da un gruppo di demologi e antropologi dellUniversit di Siena

Dopo linaugurazione (venerd 26 settembre) della seconda mostra ideata nellambito delle celebrazioni per il Centenario della nascita di Iris Origo dal titolo Con Parole Nostre. Iris e Antonio Origo per la mezzadria senese, presentato a Buonconvento, allinterno degli spazi espositivi del Museo della Mezzadria (sabato 28 settembre alle ore 18), diretto da Gianfranco Molteni, il volume La Val dOrcia di Iris. Storia, vita e cultura dei mezzadri, a cura di Mariano Fresta (Editrice Le Balze, Montepulciano, 2003), una raccolta di saggi, affidati ad un gruppo di demologi e antropologi, quasi tutti legati allUniversit degli Studi di Siena (Francesca Profili, Pietro Clemente, Sinonetta Grilli, Fabio Mugnaini), che hanno disegnato il quadro sociale e culturale nel quale si svolsero lopera e buona parte della vita di Iris e di suo marito Antonio Origo.

Una raccolta di saggi sulla vita della marchesa Origo nel periodo della mezzadria fu presentata originariamente per costruire il corredo storico-sociale della monografia Iris Origo: From the roots of Nearealism to Utopia in Solitude di Stelio Cro, pubblicati nei numeri 61 e 62 della rivista American Journal of Italian Studies nel 2000. Quei saggi, opportunamente ritoccati, grazie allimpegno della figlia di Iris, Benedetta Origo, e delleditore de Le Balze, Paolo Barcucci, vedono oggi la luce anche in terra natia.

Il sistema della mezzadria scrive Mariano Fresta nellintroduzione del testo fu accettato in toto, senza metterlo in discussione e senza nemmeno pensare che potesse essere oggetto di qualche cambiamento o modifica. E cos, tra il 1946 e il 1951 prosegue quando pi accese furono le lotte mezzadrie, il comportamento dei suoi contadini dovette apparire alla marchesa quanto meno incomprensibile, se non addirittura molto ingrato nei confronti di chi, come lei e suo marito, aveva speso energie, tempo e denaro per far migliorare una terra difficile e la vita di chi la lavorava.

Con questo libro, curato da Mariano Fresta, viene illustrato tutto quel mondo dei mezzadri senesi che nei libri della marchesa Origo fu appena accennato e cos possiamo ripercorrere le concezioni di vita dei mezzadri, le loro usanze e credenze e i temi propri legali al territorio. Nel libro lanalisi, dopo una introduzione a carattere storico, si divide tra aspetti della cultura materiale (struttura e logica di formazione delle famiglie; alimentazione ed abbigliamento) e sono posti in evidenza i modi con cui si sviluppava lespressivit dei mezzadri valdorciani (veglie, canti e teatro).

Ricordiamo che, nellambito delle celebrazioni del centenario della nascita di Iris Origo, sino al 12 ottobre (orario 10/13 e 16/19) a Castelluccio di Pienza visitabile la seconda mostra su Iris e Antonio Origo, che sar spostata successivamente a Montepulciano nella Fortezza Medicea (16 ottobre 2 novembre 2003).

Valdorcia.it il portale informativo sul territorio della Val d'Orcia (Pienza, Montalcino, San Quirico d'Orcia, Castiglione d'Orcia e Radicofani) in provincia di Siena in Toscana
Contattaci | Privacy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523 - Seguici su Google+