Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Gennaio 2018
>> Turismo
>> Last Minute 26 off.te
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Bed & Breakfast
- Strutture di prestigio e Dimore di Charme
- Hotel
- Affittacamere
- Ristoranti e Osterie
- Enoteche e bar
- Prodotti Tipici
- Servizi

>> Palazzo Piccolomini
-Visite guidate

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio
- Caroti

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Cenni storici
- Montalcino
- Pienza
- Radicofani
- San Quirico d'Orcia
- Castiglione d'Orcia
- I centri minori
- Eventi
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Personaggi
- Artisti


Home » Territorio » Personaggi » Iris e Antonio Origo
Iris Cutting, figlia unica, divise la sua infanzia nella casa dei nonni americani a New York e nella residenza estiva di Westbrook, e in quella dei nonni anglo-irlandesi in Gran Bretagna, e trascorse la sua giovinezza nella villa materna a Fiesole, che fu acquistata dalla madre dopo la morte del marito - il padre di Iris morì di tubercolosi nel 1910.

Brillante scrittrice e studiosa di storia italiana - in particolare quella medievale - durante tutto l'arco della sua vita pubblicò numerosi libri. Si sposò nel 1924 con un italiano, il marchese Antonio Origo, uomo appassionato della vita dei campi al punto tale da intraprendere coraggiose imprese agricole per riscattare quelle terre povere e incolte abitate da contadini miserabili. Conobbe Antonio quando aveva diciotto anni.

«Fu in un tempestoso pomeriggio d'ottobre del 1923, quarantasette anni fa - scriveva Iris in Immagini e Ombre, nel 1970 - che vedemmo per la prima volta la Val d'Orcia e quella che sarebbe diventata la nostra casa. [...]. Sapevamo bene che cosa andavamo cercando: un luogo che esigesse abbastanza lavoro da riempirci la vita, ma anche, speravamo, un luogo di una certa bellezza».

Una volta stabilitisi in Val d'Orcia, gli Origo iniziarono a riportare quelle terre, appena acquistate, a nuova vita. In quindici anni di duro lavoro costruirono cinquanta fattorie, ognuna di 40 ettari, tutte raggruppate intorno alla fattoria centrale, in cui vivevano Iris e Antonio Origo e dove venivano prese le decisioni sui tipi di raccolto e sulle tecniche di coltivazione per quelle terre così ostiche.

Con l'arrivo della seconda guerra mondiale molte cose cambiarono. Per gli Origo iniziò un periodo intenso.Nel gennaio del 1943, in seguito all'evacuazione di diversi bambini da alcune città italiane, come Genova e Torino, per sottrarli ai bombardamenti, gli Origo accolgono nella loro casa a La Foce più di venti di questi bambini sfollati. Alcuni di loro erano orfani; altri erano stati mandati dai genitori in quella Val d'Orcia che evidentemente era sembrato loro un luogo sicuro. Uno degli edifici della scuola fu trasformato per ospitarli. «Abbiamo potuto restituire ai loro genitori, sani e salvi, tutti i bambini sfollati che ci sono stati affidati - scriveva Iris inGuerra in Val d'Orcia. Diario 1943-1944(Editrice Le Balze, Montepulciano (Siena), 2000, p. 39).Una di loro è tornata qui brevemente come maestra: parecchi altri ci mandano ancora loro notizie e fotografie dei loro figli. In seguito i loro posti nella "Casa dei Bambini" sono stati occupati da tanti altri bambini, bisognosi anch'essi, per ragioni diverse, di un tetto o di un aiuto, e che giocano ora con i miei nipotini, come i primi giocavano con Benedetta e Donata - le due figlie degli Origo».

All'inizio di giugno del 1944 le truppe tedesche furono cacciate da Roma. Durante la loro ritirata verso Nord giunsero anche in Val d'Orcia e per alcuni giorni infuriò una battaglia in prima linea. Durante la ritirata le truppe naziste distrussero i raccolti e rasero al suolo diversi edifici. In uno dei paesi vicini a La Foce, tutti gli uomini che trovarono lungo il loro percorso furono passati per le armi come rappresaglia e deterrente; in un'altro furono bruciate tutte le case. Era il 22 giugno del 1944 quando le truppe tedesche fecero irruzione nelle cantine de La Foce, dove erano rifugiati tutti i bambini e la famiglia Origo, vennero cacciati tutti fuori e nella confusione generale decisero di incamminarsi verso un posto più sicuro: Montepulciano dagli amici Lulli e Margherita Bracci.

Pochi giorni dopo il fascismo scomparve nel nulla ma, per coloro che abitavano in quella Vallata, le cose non sarebbero mai più state le stesse. L'intera economia della zona era destinata a cambiare sicuramente in meglio. I contadini erano stanchi del vecchio sistema della mezzadria. Quando molti braccianti iniziarono a trasferirsi dalla campagna ai paesi, o alle città, l'agricoltura dovette trasformarsi e meccanizzarsi. Ma il lavoro fatto da Iris e Antonio Origo, negli anni Venti e Trenta, non sarà mai più dimenticato, come non sarà mai dimenticato il loro amore infinito per questi luoghi e queste genti che l'anno amata per quello che era: la Marchesa Origo.
[Patrizia Mari]



 

<< back


 


Copyright 2002-2018 valdorcia.it