Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Luglio 2018
>> Turismo
>> Last Minute 16 off.te
- Casa Vacanze
- Agriturismo
- Bed & Breakfast
- Strutture di prestigio e Dimore di Charme
- Hotel
- Affittacamere
- Ristoranti e Osterie
- Enoteche e bar
- Prodotti Tipici
- Servizi

>> Palazzo Piccolomini
-Visite guidate

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio
- Caroti

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Cenni storici
- Montalcino
- Pienza
- Radicofani
- San Quirico d'Orcia
- Castiglione d'Orcia
- I centri minori
- Eventi
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Personaggi
- Artisti


Home » Territorio » Radicofani » La Rocca
La Rocca

La costruzione avvenuta presumibilmente nel IX secolo ed da attribuire ai Carolingi. Nel 978 i Monaci di Abbadia S.S. lo acquistarono rimanendone in possesso fino al 1153 quando fu riscattata dal Papa Adriano IV con l'intenzione di farne un baluardo contro l'avanzata del Barbarossa. Nei secoli successivi il castello venne a lungo conteso tra lo Stato Pontificio e la Repubblica di Siena alla quale nel 1458 venne definitivamente donato da Papa Pio II (Enea Silvio Piccolomini di Pienza). Durante la guerra di Siena la Fortezza assunse un importante ruolo nella difesa della Repubblica Senese. Dopo lunghi anni di assedio, la Balzana Senese venne ammainata il 17 Agosto 1559. Fu poi Cosimo I Granduca di Toscana ad intervenire sul vecchio castello, esaltandone il ruolo difensivo ed affidando all'architetto Baldassarre Lanci il compito di ristrutturare la fortezza. Il castello sub il definitivo abbandono nel 1735 dopo lo scoppio doloso della polveriera che ne caus la quasi totale distruzione. Grazie ad un finanziamento del FIO nel 1989 il Castello di Radicofani stato ripotato all'antico splendore.



 

<< back


 


Copyright 2002-2018 valdorcia.it